tacco Desire Sandali JULIA Public con 6Iwd04q

Genova - «Dopo 5 anni di risultati in rosso consolidiamo un risultato con segno positivo. È estremamente importante per noi perché il risultato raggiunto dà il segno del nostro lavoro a tutti, ai nostri dipendenti e al mercato». Così l’ad di Carige Paolo Fiorentino ha annunciato il primo utile della banca dopo 5 anni di conti in rosso.

«Dalla Bce ci aspettiamo di vederci riconosciuto il nostro lavoro - ha aggiunto - tutto ciò che stiamo facendo in termini di pulizia del portafoglio e revisione del modello di business. Sono i due punti principali che la Bce indicava come fattori di rischio del gruppo. Entro il 2020 Banca Carige sarà riposizionata totalmente rispetto al punto di partenza - ha ribadito - anche grazie alla copertura sopra il 50% di 2,1 miliardi di crediti deteriorati lordi a fine 2020».

Carige torna all’utile dopo cinque anni di rosso: nel primo trimestre del 2018, la Banca ha conseguito un utile pari a 6,4 milioni contro la perdita di 41,1 milioni nello stesso periodo del 2017. L o ha annunciato la banca in una nota.

I risultati positivi sul fronte dei ricavi di banca Carige derivano da una crescita, rispetto al trimestre precedente, del margine di interesse a 55,5 milioni, grazie a nuovi impieghi alla clientela nel trimestre per circa 150 milioni, «ottenuto - spiega la banca - grazie al focus della rete commerciale sui segmenti di clientela core (privati, Poe, small business e mid corporate a redditività superiore), sui quali la crescita è stata più marcata».

«Il primo trimestre 2018 vede la crescita degli impieghi alla clientela a 17,3 miliardi (+0,6%), segnale positivo determinato da una serie di iniziative commerciali mirate, oltre ad un nuovo modello di servizio incentrato sulla rete» dice l’istituto. Anche sul fronte delle commissioni nette la performance del trimestre è stata positiva, dice ancora la banca, con una crescita a 61,9 milioni (+6,7% rispetto all’ultimo trimestre del 2017), con il contributo più significativo fornito dalla componente del risparmio gestito (+4,0% nei dodici mesi): le sottoscrizioni dei fondi comuni crescono infatti del 60,0% e i prodotti assicurativi del 67,0% rispetto al primo trimestre 2017.

Sul fronte degli oneri di gestione, pari a 117,8 milioni (-9,5% rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente), la banca continua la politica di gestione rigorosa dei costi, attraverso la significativa diminuzione delle spese per il personale, dovuta sia alla riduzione dell’organico di oltre 200 unità, sia alle misure di contenimento del costo del lavoro previste dall’accordo sindacale del 16 dicembre 2017. Il costo del personale core, pari a 73,6 milioni (-5,7% rispetto al primo trimestre 2017), non include i benefici derivanti dalle operazioni straordinarie in corso di implementazione (circa 220 uscite preventivate). La prevista attivazione del Fondo di Solidarietà, per cui sono già pervenute oltre 500 richieste, consentirà di raggiungere il target di riduzione del personale di circa 1.000 risorse indicato a Piano.

Carige conferma che l’accelerazione «impressa con la strategia di eliminazione di crediti deteriorati» consentirà alla banca di superare i target Bce 2019 già a fine 2018. Il credito deteriorato lordo atteso a fine 2018 sarà pari a circa 2,7 miliardi a fronte di un obiettivo 2018 assegnato da Bce di 4,6 miliardi (3,7 miliardi al 2019) dice l’istituto genovese.

A fine 2020, il Gruppo avrà un portafoglio di crediti deteriorati di un importo lordo pari a circa 2,0 miliardi (1,0 miliardo netto), in riduzione del 71,5% dai 7,3 miliardi di fine 2016. Sul fronte del derisking degli attivi, le cessioni e gli accordi di saldo e stralcio di posizioni Utp (inadempienze probabili) fino a 500 milioni nel 2018 hanno ricevuto «un elevato interesse con oltre 30 offerte non vincolanti». Ulteriori 200 milioni usciranno nel 2019.

Ieri, intanto, Banca Carige ha perfezionato l’accordo definitivo per la cessione della piattaforma di gestione delle sofferenze a Credito Fondiario, per un corrispettivo pari a 31 milioni, che verranno contabilizzati nel secondo trimestre. L’accordo prevede il trasferimento di 53 risorse e l’avvio formale della partnership di durata decennale tra la Banca e Credito Fondiario per la gestione e il recupero di parte delle sofferenze del Gruppo, che garantirà un innalzamento degli standard qualitativi allineandoli alle best practice di mercato.

© Riproduzione riservata

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla Newsletter
1 Comment
121 days ago
vovpentax
Abbiamo, consolidiamo? Ma che hai fatto tu di cosi' importante se non i salotti? Restituite tutto ai piccoli azionisti, alla gente dei quartieri, dei negozianti che negli anni vi hanno permesso di tenere aperte cosi' tante filiali!

    Desire JULIA tacco Sandali con Public